You are here
Home > Dai Soci > Luigi De Vivo > Le Orchidee selvatiche

Le Orchidee selvatiche

_MG_1398

Le Orchidee Selvatiche

Aprile è il mese delle orchidee selvatiche, e i boschi e i pratelli sono i posti  dove è possibile ammirare queste creature colorate ma complicate nel loro ciclo vitale. Questi piccoli gioielli  attirano ammiratori e appassionati da tutt’Europa. Le orchidee nostrane vivono con le radici nel terreno differenziandosi dalle cugine tropicali che si arrampicano invece sui tronchi, la terra, poi  deve contenere dei funghi simbionti, utili per la loro sopravvivenza, per questo motivo le nostre orchidee producono migliaia di semi, in modo da aumentare la probabilità di germinare sul terreno giusto. E’ inutile, quindi, strappare una pianta e tentare di farla crescere in casa, si possono solo osservare in natura. La forma particolare che imita il dorso di un insetto poi, fa si che gli insetti stessi vengono ingannati, e nel tentativo di accoppiarsi si impiastricciano di polline che poi trasportano da un fiore all’altro, ecco come avviene la fecondazione. Certo è complicato, ma la natura fa in modo che l’orchidea abbia tutto il tempo per completare il suo ciclo vitale, dotando queste piante di molta acqua nelle foglie e nel fusto. Io sono andato a zonzo nei boschi, e tutte le volte che mi sono sdraiato per terra a livello della piantina per fotografarla, non so perché ma un senso di pace mi ha  pervaso e dopo qualche scatto sono rimasto lì sdraiato sul terreno  a contemplare queste piccole meraviglie della natura con le quali ogni anno ho il mio particolare appuntamento.

 

Luigi De Vivo

 

Lascia un commento

Top