You are here
Home > Dai Soci > Marco Cairotti > Natura selvaggia

Natura selvaggia

Se si dovesse pensare a una delle terre più selvagge credo che a molti verrebbe subito in mente l’Africa. Per quanto questo possa essere vero, per la mia esperienza, penso che invece che sia il Pantanal. Moltissimi sentendo nominare questo luogo non hanno la minima idea di dove sia, cosa sia. Per quelli che non lo sanno è un luogo di assoluta magia. Per la maggior parte dell’anno, da novembre a giugno, è quasi tutto allagato. I fiumi sono in piena fino a raggiungere gli altissimi argini e la Transpantaneira, una stada sterrata lunga 150 Km che collega la “civiltà” al Pantanal, diventa quasi impraticabile. Il periodo migliore per visitarlo è i restanti mesi e per una amante della natura un vero paradiso ricco di specie e che ti sa regalare emozioni fortissime. Una quantità impressionante di rapaci solcano l’aria e ti volano a pochi metri da te. Le pozze d’acqua sono affollate di caimani e non si vedono abitazioni o costruzioni umane. Gli animali non fuggono a gambe levate al tuo arrivo perchè li sono fortemente protetti e quindi non conoscono ancora la malvagità dell’uomo. Il modo sicuramente più suggestivo e che consente di fare catturare al tuo occhio il maggior numero di animali e poterli osservare nelle loro abitudini quotidiane è spostandosi con una barca a motore. Questo luogo ha toccato profondamente la mia anima e le foto più belle che ho sono quelle non scattate, quelle che hanno colto i miei occhi e che non sono riuscito ad imbracciare la macchina fotografica perchè troppo estesiato e felice per dove mi trovavo e per quello che avevo la fortuna di vedere.

Marco Cairotti
Marco Cairotti
La natura è la mia principale fonte di ispirazione. Mi emoziona e mi fa sentire vivo. Nei miei scatti tento di trasmettere queste emozioni e di fare quanto è meravigioso il mondo che ci circonda al di fuori delle metropoli. Spero con le mie immagini di riuscire sensibilizzare più persone nel rispetto di queste meravigliose creature ricordando che spesso gli intrusi siamo noi.
http://www.cairottimarco.com

Lascia un commento

Top